Puoi trattenere qualcosa che non riesci neanche a prendere?

Hai mai fatto caso che quando desideriamo qualcosa talmente bello per essere vero usiamo l’espressione “sarebbe un sogno”? Non è un caso: parliamo infatti di qualcosa che, per come la vediamo ora, è talmente lontana dalla nostra realtà attuale da sembrarci irraggiungibile. Tanto da rinunciarci. Eppure basterebbe darle una forma e renderla concreta per poterla raggiungere…e trattenere. Vediamo come. 

*Se vuoi scaricare il file per ascoltarlo anche off-line, clicca qui con il tasto destro del mouse e scegli “Salva oggetto (o link) con nome…” *

Se hai letto l’articolo precedente, hai già scoperto il primo, fondamentale step da compiere per trasferire un “sogno” o “desiderio” dall’impalpabile ed etereo mondo delle idee al concreto e tangibile mondo della realtà. Se te lo sei perso lo trovi qui. Se poi ti sei anche cimentato nel tentativo di concretizzare un tuo sogno, ti sarai reso conto che con alcuni è più difficile che con altri.

Il desiderio “vorrei raggiungere i 70 kg di peso” ti permette di misurare il tuo peso attuale e, dopo avere intrapreso un periodo di alimentazione controllata (sempre dopo avere sentito il parere di una persona competente in merito) puoi verificare se sei sulla strada giusta e, in caso contrario, modificare qualcosa sul piano d’azione che avevi prestabilito.

Ma se parliamo di “vorrei essere più felice/sereno/tranquillo” come la mettiamo?

Non rinunciare ai tuoi sogni: rendili abbastanza concreti da poterli raggiungere e...trattenere!

Il princìpio da seguire è più o meno lo stesso, ovvero tradurre in azioni concrete i passi che compirai per raggiungere quello che desideri. Ti possono aiutare questi tre semplici passaggi:

  1. decidi che cosa vuoi
  2. identifica quali azioni concrete ti portano in quella direzione
  3. agisci

Ti faccio un esempio:

  • Decidi che cosa vuoi: vorrei essere più rilassato!
  • Quali azioni concrete ti rilassano? Una passeggiata nel parco, leggere un libro, una nuotata in piscina, ecc…
  • Nell’arco del prossimo mese, quante volte vuoi dedicare a questa attività? tutti i giorni, una volta alla settimana, due volte al mese, ecc…
  • Agisci 🙂

Il beneficio che otterrai applicando questi tre semplici passaggi è doppio:

  1. hai a tua disposizione delle azioni concrete che ti permetteranno di raggiungere lo stato di benessere che desideri;
  2. potrai in ogni istante misurare a che punto sei nel raggiungerlo.

Ti spiego questo secondo punto con un paragone “sportivo”. Immaginiamo che tu stia giocando una partita al tuo sport preferito. L’obiettivo di ogni partita, anche amichevole, è naturalmente quello di vincere. Se decidessi, per qualsiasi motivo, di non tenere il punteggio, non saresti in grado di determinare chi sta vincendo e, al massimo, potresti supporlo: cioè potresti credere che stai perdendo e demotivarti, mentre magari non hai ragione di farlo perché invece stai vincendo. O viceversa, hai l’impressione di stare vincendo e quindi “allenti un po’ la presa” e consenti al tuo avversario di prendere il sopravvento. In entrambi i casi, la logica suggerisce che: è sempre meglio misurare quello che stai facendo. Rendere i tuoi “sogni” concreti ti permette di misurare la tua evoluzione nel loro raggiungimento.

Prima di salutarti, vorrei condividere con te un’altra “dritta” che spesso molti dimenticano:

se desideri ciò che non è sotto il tuo controllo, la tua felicità e il tuo successo saranno sempre nelle mani degli altri.

Immagina solo per un momento di avere il controllo su quello che gli altri pensano, provano, fanno. Come useresti il tuo potere? Faresti innamorare di te l’affascinante ragazza della porta accanto? Oppure schioccheresti le dita per ottenere l’ammirazione e l’approvazione di colleghi e capo? Purtroppo (o per fortuna…) questo non è possibile. Però puoi chiedere all’affascinate ragazza di cui sopra di uscire con te e vedere cosa accade. Oppure trovare il modo di lavorare in modo da ottenere l’approvazione di capo e colleghi. Fai in modo che le azioni che ti porteranno a raggiungere ciò che desideri sino sotto il tuo controllo e non degli altri. In questo secondo caso, infatti, rischi di:

  • condizionare il tuo successo alla volontà degli altri (che non puoi controllare);
  • scivolare fino al collo nella “palude degli alibi”.

Se sei pronto ad assumerti la “responsabilità”, intesa come abilità di rispondere alle situazioni che dovrai affrontare, sei pronto anche per il prossimo articolo

Fai il check-up al tuo obiettivo!

Alla prossima!

Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.