Non credo nelle situazioni senza via d’uscita

Fallisci quando non hai più alternative a tua disposizione. Il trucco per evitare il fallimento consiste nel continuare a cercare nuove possibilità. Ponendoti la giusta domanda al momento giusto.

 

 

Rimarrai sorpreso nello scoprire che esistono sempre alternative, se sei abbastanza flessibile da continuare a cercarle. Devi solo mantenere la tua mente aperta.Ogni volta che chiudi la tua mente, smetti di cercare nuove possibilità, abbandoni automaticamente tutte le alternative che sono disponibili per te e, con esse, tutte le possibilità di successo.

Ti trovi sicuramente in situazioni nelle quali hai bisogno di trovare nuove alternative quando sei sicuro che non ne esistano.

Curiosamente, è proprio questa la situazione più semplice nella quale trovarne di nuove.

Fai semplicemente una lista di tutto quello che sicuramente non può funzionare e, rileggendole, chiediti: “che cosa succederebbe se invece funzionasse?”.

Quando invece fai una lista di tutte le cose che non puoi fare, chiediti per ognuna di esse: “che cosa succederebbe se potessi?”.

Se invece sei davanti ad una lista di cose che non puoi fare in quando vanno contro le regole, chiediti “che cosa succederebbe se cambiassi le regole?”, in modo da spostare la tua attenzione su come cambiare le regole.

 

Come fai a riconoscere se sei condizionato dalle regole?

Ogni volta che dici “non dovrei” o “non potrei” stai recitando una regola. Può trattarsi di regole esplicite, come norme aziendali, oppure implicite, come norme morali o sociali. In un caso o nell’altro, stanno limitando la tua libertà di pensare fuori dagli schemi: ti costringono a pensare all’interno della “gabbia” di ciò che è permesso piuttosto di ciò che è possibile.

Non ti sto consigliando naturalmente di agire al di fori delle regole: regole, leggi e norme morali sono lo strumento che garantisce ad ogni civiltà la sopravvivenza, giuste o sbagliate che ti sembrino.

Si tratta di permetterti di pensare fuori dalle regole e dagli schemi che hai appreso (più o meno consapevolmente) vivendo all’interno di una determinata cultura, in modo da esplorare nuove possibilità che diversamente non prenderesti nemmeno in considerazione.

Hai la possibilità di pensare con la tua testa, anziché lasciare che lo facciano al posto tuo le persone che hanno scritto le regole.

Nel film “Star Trek: The Black”, tutti i cadetti della flotta stellare devono affrontare il “Test Kobayashi Maru”: una simulazione per allenarsi a prendere decisioni in situazioni senza via di uscita. Il test, infatti, è stato programmato per non avere soluzioni.

Perlomeno finchè non viene affrontato da James T. Kirk.

 

Come hai potute vedere, il giovane cadetto riesce a superare il test infrangendo le regole: riesce cioè a superarlo…riprogrammando il computer. La genialità della cosa non sta tanto nell’aver trovato il modo per violare il sistema, quanto piuttosto nell’aver escogitato un’alternativa alla quale nessuno aveva ancora pensato fino a quel momento: ha aperto la sua mente alla ricerca di cosa si celi oltre le regole, al di là del “comportamento comunemente accettato”.

Giusto per fare il verso al claim del telefilm Star Trek, per “giungere dove nessuno era giunto prima”, ha dovuto pensare in un modo in cui nessuno aveva ancora pensato.

Il successo è questione di quanto possibilità di dai per riuscire. Se credi che ci sia sempre un’opzione, un’idea, una scelta alla quale non hai ancora pensato, allora hai almeno un’altra possibilità per raggiungere il successo.

 

Se quello che stai facendo non funziona, prova qualcos’altro. Continua a provare qualcos’altro finchè non ottieni quello che cerchi.

Puoi fallire solo quando non hai più alternative, ma non puoi non avere alternative se continui a cercarle.

 

In bocca al lupo per tutti i tuoi progetti attuali e futuri e…alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.