Il monitoraggio costante dei progressi verso l’obiettivo incrementa veramente le possibilità di successo?

Il monitoraggio dei progressi verso un obiettivo entra in gioco tra la sua definizione e il suo raggiungimento: sono quei momenti nei quali valutiamo, a cadenza costante, i cambiamenti che otteniamo, per capire se (e con quale velocità) stiamo progredendo nella direzione voluta. Questo ti permette di accelerare (se scopri di essere in ritardo) o “aggiustare la rotta” (se scopri di essere fuori strada). Ma questo controllo facilita veramente il nostro viaggio? E se si, ne può potenziare l’effetto? Risponde a queste (e altre) domande uno studio condotto presso l’Università di Sheffield.

Harkin, professore dell’Università di Sheffield, ha analizzato ben 138 ricerche relative al benessere personale alle quali hanno partecipato 19.951 persone. Gli argomenti riguardavano:

  • perdere peso;
  • smettere di fumare;
  • cambiare regime alimentare;
  • diminuire la pressione sanguigna.

Scoprì che le probabilità di raggiungere l’obiettivo che queste persone avevano definito aumentava quando:

  • veniva suggerito ai partecipanti di monitorare i loro progressi;
  • aumentava la frequenza con cui i progressi venivano monitorati.

Per di più, i ricercatori scoprirono che il monitoraggio dei comportamenti comportava un effetto sui comportamenti stessi, ma non necessariamente sui risultati. Ad esempio, suggerire alle persone in dieta di monitorare regolarmente ciò che mangiavano comportava una variazione del loro regime alimentare, ma non portava necessariamente alla perdita di peso. Allo stesso modo, quando veniva consigliato di pesarsi regolarmente si ottenevano effetti sul peso ma non sui comportamenti associati, ovvero su cosa mangiavano o sulla frequenza con cui svolgevano attività fisica. In pratica, concluse Harkin:

“Se vuoi cambiare il tuo regime alimentare, concentrati su ciò che mangi, mentre se vuoi dimagrire, focalizzati sul monitoraggio del peso”.

Il monitoraggio ti porterà ad avere maggiori progressi in direzione del tuo obiettivo se è correttamente focalizzato .

Analisi aggiuntive rivelarono poi che il monitoraggio dei progressi verso l’obiettivo aveva un effetto ancora maggiore se gli esiti venivano registrati o resi pubblici. Ad esempio, le persone che appartenevano al gruppo di chi era in dieta e che si pesavano regolarmente di fronte ad altri membri dello stesso gruppo aveva maggiori possibilità di perdere peso.

Quindi

Se stai provando a raggiungere un obiettivo, maggiore è la frequenza con cui monitori i tuoi progressi, più alta è la possibilità che tu li raggiunga. A patto che il tuo monitoraggio sia focalizzato su un aspetto coerente con quello che vuoi raggiungere.

Il vantaggio per te, che segui il mio blog, è che se hai seguito i consigli che ti suggerivo nell’articolo “Come puoi trasformare un sogno in un obiettivo realizzabile?” sai già come costruire un obiettivo che ti permetta di sfruttare il vantaggio dimostrato da questa ricerca.

Se hai delle domande sentiti libero di postarle nei commenti qui sotto e, se l’articolo ti è piaciuto, condividilo!

In bocca al lupo per tutti i tuoi progetti e alla prossima!

P.S.

Qui trovi l’abstract (in inglese) della ricerca: Frequently monitoring progress toward goals increases chance of success

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.