La definizione degli obiettivi per chi ODIA definire gli obiettivi

Questa volta il titolo dell’articolo l’ho rubato dal libro di Keith Ellis, “The Magic Lamp: Goal Setting for People Who Hate Setting Goals“. Il testo è disponibile solo in inglese e propone un metodo per definire i propri obiettivi personali molto coinvolgente e stimolante. Se fino ad ora ci hai provato e non ci sei riuscito perchè sei stato sconfitto dalla noia, ti consiglio caldamente la lettura del libro. In alternativa, se non “mastichi” molto l’inglese, in questo e nei prossimi articoli ti riporterò in modo sintetico i principi base della definizione degli obiettivi fatto apposta per chi odia mettersi seduto e seguire regole troppo “rigide”. Se sei pronto…iniziamo!

Il primo step è individuare il tuo desiderio, ovvero decidere che cosa vuoi.  Visto che parliamo di definizione di obiettivi, questo sarà lo step più importante e, contrariamente a quello che suggerirebbe la logica comune, più divertente. Il segreto consiste nel seguire attentamente i prossimi consigli che condividerò con te.

Per prima cosa, immagina di trovare, mentre passeggi per strada, una vecchia lampada come questa.

La lampada magica

Poichè conosci il racconto “Aladino e la lampada meravigliosa“, sai come provare ad usarla. Infatti la sfreghi e…in effetti ti appare il genio della lampada! Che però non ti pone un limite nel numero di desideri che puoi esprimere, quanto piuttosto nel modo: ti invita cioè a scriverli su un foglio bianco. Quindi, prendi ORA un foglio bianco ed una penna (o una matita) e passiamo allo…

Step 1: Brainstorming

Scrivi nella parte superiore del tuo foglio bianco:

Se questa fase si chiama "brainstorming" non è un caso, quindi se vuoi completarla con successo segui queste 3 semplici regole:

  1. Stabilisci un tempo: impegnati con te stesso a scrivere per 2 (o 3 o 5) minuti tutto ciò che ti viene in mente, senza fermarti nella scrittura, anche a costo di scrivere per tutto il tempo la stessa cosa :-). Crea le condizioni per non essere interrotto: trova un posto tranquillo e spegni il telefono.
  2. Scrivi qualsiasi cosa (qualsiasi!) ti venga in mente: non limitarti solo perché ti sembra stupida o assurda, ci sarà tempo più avanti in una fase successiva per il giudizio critico. Può aiutarti, in questa fase, pensare a specifiche aree della tua vita: ad esempio lavoro, salute, affetti, ecc...
  3. Mantieniti motivato: sii grato e complimentati con te stesso per tutto ciò che ti viene in mente.

Terminata questa fase, premia il tuo lavoro dedicandoti all'attività che più ti rilassa. Ricarica le batterie perchè nel prossimo articolo procederemo con il secondo step e avrai bisogno di tutte le tue energie per affrontarlo nella maniera corretta!

Non solo, il prossimo articolo avrà un'importanza particolare per chi ancora non è stato in grado di identificare che cosa voglia realmente realizzare nella propria vita quindi se vuoi essere sicuro di non perdertelo, iscriviti ora alla newsletter usando il box che trovi in alto a sinistra in questa pagina.

Se dovessi avere qualche dubbio circa questo primo step, scrivilo qui sotto in modo che la mia risposta ai tuoi dubbi diventi patrimonio di tutti.

Se invece fin qui è tutto chiaro, procedi al terzo step: I 3 Passi Segreti da Muovere per Raggiungere i Tuoi Obiettivi Personali

A presto!

Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.