Il coaching sull’atteggiamento mentale – parte 1


In che modo l’atteggiamento mentale è legato alla performance e quando è il caso di investire in attività di coaching su questo aspetto?

Che cosa determina la performance di un individuo?

Principalmente due fattori: livello di competenze (o abilità) posseduto e atteggiamento mentale (o motivazione), come riassunto nell’equazione della performance:

 

L'equazione della performance

 

Quando investire in attività di coaching sull’atteggiamento mentale?

Quando hai stabilito che il tuo collaboratore, che non ha raggiunto un obiettivo assegnato:

  • sa cosa fare ma non vuole farlo

oppure

  • non sa cosa fare e non vuole impararlo

è il caso di investire tempo e risorse in attività di coaching sull’atteggiamento mentale.

 

In che modo l’atteggiamento mentale influenza la performance?

Nell’articolo “Come Manager sei più influenzato dai fatti o dalle storie?” ti ho parlato dell’importanza di saper distinguere fra dati oggettivi (i fatti) e ciò che ciascuno di noi si racconta su questi fatti (le storie) . Consideriamo ora gli altri due elementi che collegano l’atteggiamento mentale alla performance, mediante un esempio.

Elementi che collegano atteggiamento mentale e performance

Io sono nato in un paesino di campagna e questo è il dato di fatto sul quale posso costruire diverse storie, come:

1. quando ero piccolo mi piaceva vivere a contatto con la natura

oppure

2. non mi è mai piaciuto l’atteggiamento mentale particolarmente chiuso delle persone che abitano in campagna.

Nessuna delle due è più vera dell’altra: sono entrambe storie.

Ciascuna di queste due storie determina però una specifica emozione:

  1. l’amore per la campagna
  2. l’odio per la campagna

che mi porterà a compiere un’azione ben precisa:

  1. stare il più possibile a contatto con la natura
  2. evitare di trascorrere del tempo o andare a vivere in campagna

Ciascuna di queste due azioni mi porterà a conseguire risultati diversi:

  1. beneficiare degli effetti salutari che derivano dal contatto con la natura
  2. precludermi questa possibilità.

Questa sequenza di collegamenti è quella che devi andare ad esplorare quando svolgi attività di coaching con i tuoi collaboratori sull’atteggiamento mentale. 

Se ti stai chiedendo in che modo, lo vedremo nel dettaglio nel prossimo articolo partendo da un caso tipo.

Nel frattempo ti invito ad allenarti a riconoscere e distinguere quando tu e le persone attorno a te parlano di “fatti” o di “storie” e di come,attraverso i passaggi descritti in questo articolo, le storie influenzino i risultati.

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.